Vai al contenuto

Come Costruire un Monopattino Elettrico Fai da Te [Guida Completa]

I nuovi monopattini elettrici presenti in commercio sono realizzati con tecnologie all’avanguardia, e sul mercato ci sono così tante marche disponibili che talvolta risulta molto difficile fare la scelta giusta.

Si contano circa 87 produttori di monopattini elettrici e una carenza di test condotti sui diversi modelli, nonché la scarsità di recensioni reperibili al riguardo, non ti aiuta di certo a capire quale di questi sia il migliore per te e per le tue esigenze.

In Italia, non sono presenti molti siti in cui reperire informazioni, accompagnate da foto e immagini adeguate che ne supportino l’informazione.

In questo modo, non sei in grado di farti un’idea precisa e di poter confrontare i diversi prodotti, operazione necessaria ai fini di un acquisto corretto, soprattutto quando si parla di tecnologia.

Il nostro principale obiettivo, quindi, è darti le più puntuali informazioni sulla scelta di un buon monopattino elettrico, in quanto siamo stati in grado di fare un paragone tra tutti quelli al momento in commercio.

Prima di tutto, però, vorremmo proporti la costruzione di un monopattino fai da te, in modo che tu possa valutare anche la possibilità di avere un prodotto realizzato con le tue stesse mani e che non ha nulla da invidiare a quelli che vedi nei negozi.

Tra l’altro, per la sua realizzazione non devi spendere molti soldi, soprattutto se hai in casa gli oggetti principali che non usi più e dai quali puoi prelevare i pezzi più importanti, ovvero:

  • 1 decespugliatore
  • 1 bicicletta

Alla fine avrai un prodotto molto robusto e stabile, che può raggiungere una velocità di 40 km/h, e che può permetterti dei brevi spostamenti.

Ovviamente stiamo parlando di un veicolo fai da te che raramente riesce ad ottenere l’omologazione, per cui potrai usarlo solo all’interno dei tuoi spazi privati.

Tuttavia, ti può tornare molto utile, soprattutto se hai terreni molto ampi che vuoi raggiungere in maniera più veloce e meno faticosa.

Quali sono le componenti principali di un monopattino elettrico

Vedrai che il monopattino elettrico costruito da te, non avrà delle differenze sostanziali con i prodotti che trovi sul mercato, perché la forma sarà uguale.

I cambi di direzione li affiderai sempre alla ruota anteriore, e a quella posteriore collegherai un motore da 20 cc.

Il motore deve essere connesso per mezzo di una catena e di una corona. Quest’ultima va congiunta alla ruota, la quale deve avere un cuscinetto con diametro interno di 16 mm ed esterno di 35 mm.

Per quanto riguarda il freno, ti conviene installarne uno a tamburo attivabile grazie a una leva, che fisserai sul manubrio. Tra tutte le tipologie di freno, questa è la più facile da installare e risulta anche molto sicura.

Installa anche un parafango in metallo, utilizzando lamine non superiori al millimetro, in modo da avere una buona protezione ma senza che questa possa influire molto sul peso complessivo del mezzo.

Se vuoi munire il tuo monopattino elettrico fai da te di una luce interiore, puoi benissimo utilizzare il faretto di una bicicletta, comprensivo di pila da 6 V.

La piastra e la struttura portante del monopattino elettrico

Puoi realizzare la struttura portante utilizzando del tubo metallico con un diametro di circa 40 mm.

Attenzione alle saldature: devono essere abbastanza forti per poter accogliere i mozzi e il motore.

Quando lavori alla struttura portante, ricorda di lasciare uno spazio frontale adeguato per inserire una forcella, che puoi tranquillamente prelevare, anche questa, da una vecchia bicicletta.

Per la piastra su cui poggerai i piedi, come materiale da utilizzare scegli preferibilmente il legno, ma quello destinato alle imbarcazioni, in quanto è impermeabile e quindi non si rovinerà a causa degli agenti atmosferici.

Una volta che avrai realizzato la piastra, passerai a fissare un cavalletto, in modo da poter parcheggiare agevolmente il monopattino.

Puoi prendere un cavalletto di un mezzo a due ruote che non usi più, oppure puoi benissimo creartelo usando del ferro leggero.

Come deve essere il manubrio di un monopattino elettrico fai da te

Con un tubo da 22 mm di diametro, sarai in grado di costruire un manubrio. Ti servirà anche una ghiera, per fissare le leve al tubo metallico.

Le leve sono in totale due: una per comandare l’acceleratore e un’altra per azionare il freno posteriore.

Attenzione a non installare un freno posteriore, perché oltre a non essere necessario potrebbe dimostrarsi molto pericoloso.

Arrivati a questo punto, il tuo monopattino elettrico fai da te è pronto all’uso!

L’unico accorgimento che ti consigliamo, è quello di non utilizzare del ferro arrugginito e di prestare attenzione a tutte le fasi di montaggio, in modo da avere alla fine un prodotto sicuro e davvero stabile.

Quali sono i migliori monopattini elettrici in commercio

Potresti tuttavia non avere voglia di costruire un monopattino elettrico, oppure non hai a disposizione i materiali che ti servono per la sua realizzazione.

A questo punto, vorresti sapere quali sono i migliori prodotti in commercio, in modo da valutare l’acquisto di un monopattino elettrico nuovo.

In base alle nostre verifiche e ai nostri confronti, siamo in grado di farti i nomi di due prodotti che, secondo noi, superano abbondantemente i test di qualità del prodotto.

I prodotti che ti consigliamo sono Razor e Qiewa Q1. Quello che ti serve sapere di questi due ottimi monopattini elettrici, è non solo che hanno dei prezzi different, ma anche che sono destinati a due diversi target.

Il Qiewa Q1 è utilizzabile dagli adulti, mentre il Razor è stato pensato per i più piccoli, in quanto il Qiewa ha una velocità maggiore, che per i bambini potrebbe essere pericolosa.

Conclusioni sui Monopattini Elettrici Fai da Te

Quando ti trovi a scegliere un monopattino elettrico, devi stare molto attento e fare le corrette valutazioni, altrimenti potresti ritrovarti con un prodotto poco utile e per il quale capirai di aver buttato via i tuoi soldi, in quanto non riuscirebbe a soddisfare i tuoi bisogni.

Prima di buttarti nell’acquisto di un monopattino, quindi, devi essere in grado di porti le corrette domande, quali:

  • Perché voglio comprare un monopattino? A cosa dovrebbe servirmi?
  • Quali tipi di distanze penso di dover percorrere?
  • Quale è il budget a mia disposizione e quanto sono disposto a spendere?
  • Acquistando un monopattino, quanto potrei risparmiare? Ad esempio, avrò un risparmio su biglietti di treni, autobus, benzina e sui tempi di percorrenza?

Farti queste domande ti servirà per capire quali sono le tue reali esigenze e di conseguenza a spendere al meglio il budget che hai a disposizione.

Al di là del tuo budget, cerca sempre di scegliere marchi che ti possano offrire un ottimo rapporto qualità-prezzo, in modo da non ritrovarti con un prodotto economico e scadente.

Tra l’altro, scegliere il prodotto di un marchio conosciuto ti offre anche la garanzia di essere seguito nell’assistenza post vendita, cosa che spesso non accade quando ci si affida ad aziende poco conosciute.

Se hai bisogno di altre informazioni e se vuoi approfondire i confronti tra i diversi modelli di monopattini elettrici, puoi consultare le nostre pagine relative alle recensioni dei prodotti.

Monopattini elettrici con ottimo rapporto qualità-prezzo: dove trovarli?

Se hai bisogno di un overboard Bluetooth, puoi accedere al nostro sito tramite link, e lì potrai trovare tutti i prodotti che abbiamo provato e valutato, e che ti danno le maggiori garanzie sia in termini di qualità che di prezzo.

Il nostro processo di selezione non avviene come generalmente accade con gli altri siti di recensione prodotti, in cui si cerca di vendere quelli più costosi per guadagnare percentuali alte sulle vendite.

Abbiamo pensato alle tue necessità, anche dal punto di vista economico, e siamo in grado di mostrarti i prodotti che hanno un reale e ottimale rapporto qualità-prezzo.

Per farti un’idea di questo, ti rimandiamo al sito raccomandato qui sotto:

Emanuele Santiaghi

Sono sempre stato un appassionato di hoverboard e monopattini sin dal primo momento in cui li ho visti sul mercato e cerco sempre di essere attento alle ultime novità sul mercato.